Detrazioni per il Mutuo? No problem! Te lo spieghiamo noi!

Finalmente siete pronti a fare il grande passo!

Avete deciso, dopo mesi e mesi di affitto, di comprare casa e attivare un mutuo. Ma è la prima volta che vi muovete in questa direzione e non sapete dove mettere le mani. Amici, parenti e conoscenti vi hanno parlato e confidato che esistono tanti vantaggi, agevolazioni e detrazioni: ma la confusione è tanta e gli esperti sono troppi!

Per questo motivo abbiamo deciso di darvi qualche piccola informazione iniziale che sicuramente vi farà sentire meno sperduti. Cominciamo!

  1. Esistono delle detrazioni fiscali per chi acquista la prima casa: è un agevolazione che si chiama 730 interessi mutuo 2018,  e  consiste nel poter detrarre ai fini IRPEF (cioè dalle tasse) il 19% delle spese che pagate, tra cui gli interessi passivi del mutuo ( cosa sono? Per chi richiede un Mutuo, la somma di denaro ottenuta in prestito comporta un costo che viene chiamato interesse passivo. Se, invece, siamo noi a concedere in prestito una somma di denaro, allora riceveremo un interesse attivo.)
  2. La detrazione deve essere richiesta tramite la compilazione del 730, e può essere chiesta solo se: è appunto la prima casa e la abitazione deve essere la principale; se è un mutuo garantito da ipoteca su immobili; se la banca è italiana; se l’avete acquistato nell’anno precedente o successivo alla data della stipulazione del contratto di mutuo.
  3. La detrazione spetta anche nei seguenti casi: se l’immobile è oggetto di interventi di ristrutturazione e se si acquista un mobile locato.

Il limite massimo degli interessi passivi pagati su mutui ipotecari per l’acquisto della prima casa è pari a 4.000 €; pertanto, il 19% è 760€. In questa somma sono compresi:

  • Gli interessi passivi
  • Oneri accessori relativi al contratto
  • Quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione.

 

 

Quindi, a parte le detrazioni fiscali, c’è anche un altro vantaggio nell’acquistare la prima casa: il bonus prima casa 2018! 

Semplificando, a chi spetta?

  1. A chi acquista un immobile che rientri nelle seguenti categorie: A/2 (abitazioni di tipo civile); A/3 (abitazioni di tipo economico); A/4 (abitazioni di tipo popolare); A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare); A/6 (abitazioni di tipo rurale); A/7 (abitazioni in villini); A/11 (abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi.)
  2. A chi ha la residenza nello stesso Comune in cui intende acquistare casa;
  3. A chi dichiara, nell’atto dell’acquisto, le seguenti cose: 1) di nn essere titolare di nessun altro immobile situato sullo stesso Comune; 2) di non essere titolare di nessun immobile acquistato usufruendo delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa.

 

Ora che avete le idee un po’ più chiare, e sapete che se volete lanciarvi nella meravigliosa avventura dell’acquisto di una casa avete tanti vantaggi, non vi resta che affidarvi ai migliori nel settore: voi la sognate, noi ve la troviamo.

Casa è dove c’è il cuore, e noi avremo cura del vostro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...